LA NOSTRA STORIA

All'inizio c'era solo un sogno. Poi è nata un'idea. E infine è iniziato il duro lavoro. Un duro lavoro i cui risultati si esprimono nei vini Santei. Non cerchiamo scorciatoie. Non cerchiamo vie secondarie. Il nostro unico obiettivo è l'eccellenza. Seguiamo i ritmi della natura e riconosciamo il valore della tradizione. Questa è la strada che ci appartiene. Il nostro desiderio è che il vino Santei possa regalarvi infiniti momenti di piacere!

2005. L'amore. Sandra e Matej. Santei. Una biologa e un matematico. Una responsabile del settore vendite e un direttore finanziario. L'amore per la natura unito a un'irrefrenabile passione per il vino. 2007. Acquisto della tenuta Santei. In parallelo inizia anche a prendere forma la nostra particolare visione, che consiste nell'offrire agli estimatori del vino un'esperienza inedita, autentica e indimenticabile, frutto del connubio tra un terroir eccellente e il pieno rispetto delle specificità che contraddistinguono la Valle del Vipacco.

In cinque anni abbiamo completato i lavori di restauro dell'intera tenuta così come della casa padronale che vi fu costruita duecento anni fa. Allo stato attuale sono circa 15.000 le viti allevate nella tenuta Santei nel pieno rispetto della natura; si tratta di una cifra che è destinata ad aumentare nei prossimi cinque anni in quanto prevediamo non solo di aumentare il numero di varietà autoctone locali, ma anche di incrementarne la percentuale sul totale delle superfici vitate.  Il nostro obiettivo consiste nel conseguire una capacità di produzione annuale pari a 10.000 bottiglie di vino di primissima qualità. I vitigni cui appartengono le viti allevate nella tenuta Santei sono varietà locali di malvasia, zelen, pinella e ribolla, ma ricordiamo anche la presenza di due vitigni francesi a bacca bianca - sauvignon e chardonnay. Tra le varietà a bacca rossa è invece predominante il merlot francese, mentre in misura minore è presente anche una varietà locale di barbera.


VISIONE E VALORI

La nostra visione si basa sull'offerta di un'esperienza del vino autentica e indimenticabile, frutto del connubio tra un terroir eccellente e il pieno rispetto delle specificità che contraddistinguono la Valle del Vipacco.

A tal fine ci atteniamo rigorosamente ai seguenti principi:

1. Ecosostenibilità delle pratiche di viticoltura adottate nei vigneti della tenuta Santei
2. La maturazione del vino avviene già in vigna.
3. Metodo naturale di vinificazione

Ecosostenibilità delle pratiche di viticoltura adottate nei vigneti della tenuta Santei.

Crediamo fermamente nel concetto di sostenibilità ambientale. Le operazioni in vigna, vendemmia inclusa, si svolgono per lo più senza l'ausilio di macchinari, nel pieno rispetto della natura. È solo grazie a un profondo rispetto per la natura, infatti, che possiamo creare un ecosistema sostenibile sul lungo termine, senza contare che una simile impostazione si profila quale unica valida possibilità di sviluppo della vitivinicoltura e di un turismo sano e attivo - un aspetto, questo, che va a conferire un impagabile valore aggiunto alle bellezze naturali che già contraddistinguono il paesaggio della Zgornja Branica.

A favorire la sostenibilità delle nostre pratiche viticole intervengono alcune specificità del paesaggio naturale:

  • Caratteristiche della Valle del Vipacco sono la commistione tra clima mediterraneo e continentale e le sferzate del vento di bora che, nel complesso, svolgono un ruolo determinante ai fini della produzione di uve di altissima qualità. La bora e l'influsso esercitato dalle correnti d'aria fredda provenienti dal Monte Nanos contribuiscono a raffreddare il suolo e a portare a livelli minimi il tasso di umidità dell'aria, uno dei fattori responsabili dell'insorgere delle ampelopatie. Sono proprio queste le condizioni ambientali che ci consentono di adottare pratiche viticole sostenibili, tanto per l'ambiente quanto per i consumatori finali.

  • I nostri vigneti sono interamente disposti su terrazzamenti situati a un'altitudine di 220 m s.l.m. e presentano una pendenza media del 25%, che favorisce un'adeguata ventilazione dei grappoli evitando l'accumulo di umidità tra le piante di vite. Al contempo, una simile disposizione dei vigneti rallenta il lavoro in vigna inducendo a orientarsi a priori verso una bassa densità d'impianto, condizione imprescindibile - quest'ultima - per la produzione di vini di pregio.

La maturazione del vino avviene già in vigna.

Crediamo fermamente nel concetto di terroir. I vini migliori sono quelli ottenuti esclusivamente da uve di qualità eccellente che giungono a maturazione in località di produzione viticola ottimali. Il valore della tradizione riveste ai nostri occhi un'importanza fondamentale nel settore viticolo, motivo per cui ci atteniamo rigorosamente agli insegnamenti che ci vengono tramandati dai vecchi abitanti di questa regione, che conoscono benissimo quali siano i luoghi di produzione viticola ottimali per ciascuna varietà di uve. I vigneti della tenuta Santei sono interamente impiantati su terreni già precedentemente vitati in passato. Ogni località viticola di comprovata qualità è stata dunque impiantata con una varietà di uve che, per quella data località, garantisce la migliore resa possibile (ad esempio, merlot a Brkovče, ribolla nella vigna Tamčez ecc.). È questo il segreto che fa dei vini Santei un'esperienza assolutamente indimenticabile.

Metodo naturale di vinificazione

Riconosciamo il valore alla tradizione. Adottiamo un'impostazione orientata verso la scuola francese, come dimostrato dalle nostre tecnologie di cantina che vi si richiamano ampiamente. La pigiatura delle uve, ad esempio, è effettuata per mezzo di una pigiatrice tradizionale francese in legno. Fatta eccezione per le dovute quantità minime di zolfo, il processo di vinificazione presso la tenuta Santei non prevede alcuna aggiunta di additivi. Le nostre pratiche enologiche si basano su pulizia, precisione e rispetto dei ritmi naturali, unici fattori in grado di trasformare, esaltandole, le uve di prima qualità che provengono dai nostri vigneti. Quando si tratta di vino non amiamo affrettare i tempi: la fase di maturazione in botte è scandita da uno specifico ciclo biologico naturale che varia a seconda dei vini, pertanto nella tenuta Santei attendiamo che il vino sia giunto a completa maturazione prima di proseguire con l'imbottigliamento. A ciò fa seguito una fase di affinamento in bottiglia volta ad armonizzarne la struttura, e solo al termine di quest'ultima si procede all'immissione del vino sul mercato.

Le pratiche enologiche tradizionali vengono di volta in volta adattate alle peculiarità delle singole varietà di uva e delle annate di produzione, in modo tale da ottenere il miglior vino possibile a partire dalle uve raccolte in una data annata. L'offerta di vini Santei comprende più linee produttive: vini bianchi giovani, vini rosé, vini bianchi maturi vinificati con macerazione a freddo e vini rossi maturi.



I VIGNETI

La tenuta Santei è adagiata sui declivi della parte montuosa dell'Alta Valle del Vipacco, che prende il nome di Colli del Vipacco. I nostri vigneti appartengono alla località di produzione viticola Zgornja Branica, le cui specificità pedoclimatiche favoriscono la produzione di vini di grande pregio. La Valle della Branica funge da confine naturale tra la regione del Carso e la Valle del Vipacco; essa comprende la zona a monte del bacino idrografico della Branica sino ad abbracciare le propaggini meridionali dei Colli del Vipacco. Il substrato, ovvero la roccia da cui deriva il suolo di questa regione, è formato da strati di flysch risalenti all'Eocene che si caratterizzano per l'alternarsi di marne, siltite sabbiosa e arenarie carbonatiche a grana grossa, ma vi si ritrovano anche venature più o meno accentuate di breccia e conglomerato. Per indicare questa particolare formazione geologica che si rivela essere ottimale per  la coltura della vite, gli abitanti della Valle del Vipacco utilizzano il termine "soudan".

La località di produzione viticola Zgornja Branica ha una propria specificità, in quanto l'immediata vicinanza al Carso contribuisce a un singolare intreccio tra le argille marroni e bianche tipiche del soudan e la terra rossa tipica invece del Carso. Altro elemento peculiare consiste nel fatto che, stando alle misurazioni da noi effettuate, le temperature in questa località si mantengono 2°C al di sotto della media rilevata negli altri punti dell'Alta Valle del Vipacco: ciò è dovuto alla gola situata presso Čipnje, che contribuisce a frenare l'afflusso delle correnti di aria calda provenienti dal Mediterraneo. Le specificità pedoclimatiche della località di produzione viticola Zgornja Branica consentono di ottenere uve che, pure a piena maturazione, mantengono un adeguato contenuto in acidi, il che riveste una grande importanza innanzitutto per la qualità dei vini, ma anche in luce del potenziale degli stessi in termini di maturazione prolungata.

Sin dai tempi della ripartizione del territorio sloveno in zone viticole, la località di Zgornja Branica è sempre stata una delle uniche tre località di produzione viticola individuate nell'Alta Valle del Vipacco. A quel tempo lo status di zona di produzione viticola era riservato esclusivamente a quelle zone viticole che erano in grado di garantire un susseguirsi di ottime annate quale frutto di un terroir di grande qualità e, dunque, di un'ottimale sintesi di fattori topografici e pedoclimatici, di tradizione e know-how.


NATURA 2000 NELLA VALLE DELLA BRANICA

Con l'ingresso nell'Unione europea avvenuto nel 2004 la Slovenia ha definito un elenco di zone protette tra le quali figura anche la Valle della Branica, che comprende fra l’altro la zona a monte del bacino idrografico della Branica fino ad abbracciare le propaggini meridionali dei Colli del Vipacco. È in questa regione che trovano un ambiente favorevole i pipistrelli, le cui colonie puerperali trovano riparo presso il Castello di Rihemberk. Questa zona comprende inoltre ruscelli protetti e altri ambienti acquatici, ma anche boschi, prati secchi e assembramenti di ginepro che nel complesso fungono da habitat per svariate specie animali rare, quali ad esempio la rana di Lataste, l'ululone dal ventre giallo, la libellula della specie Cordulegaster heros, il cervo volante, la cerambice funebre, il coleottero della specie Carabus variolosus ecc. Un'altra peculiarità di questa valle che merita di essere preservata sono le distese di alberi da frutto a fusto alto, che garantiscono un habitat ideale per alcune specie di uccelli rari come l'upupa e la civetta; uno di questi frutteti si trova proprio nella tenuta Santei.

Link utili:

"Natura 2000 nella Valle della Branica" (titolo originale: "Natura 2000 v dolini Branice"), versione in lingua slovena: www.zrsvn.si/dokumenti/74/2/2012/Natura_Branica_S_3014.pdf

"Natura 2000 nella Valle della Branica", versione in lingua inglese: www.zrsvn.si/dokumenti/74/2/2012/Natura_Branica_angleska_3031.pdf

Documentario breve: www.youtube.com/watch?v=SYg71g_7xVE